Questa mattina le deputate e i deputati della Toscana Laura Boldrini, Simona Bonafè, Christian Di Sanzo, Marco Furfaro, Emiliano Fossi, Marco Simiani e Federico Gianassi hanno depositato un emendamento al decreto aiuti ter attualmente in discussione alla Camera, volto a prevedere che fra i servizi oggetti di ristoro, al fine di fare fronte agli aumenti dei costi del carburante, siano inclusi anche i servizi di trasporto di emergenza-urgenza svolti per conto del SSR o delle ASL; che siano aggiunti fra i soggetti beneficiari i Comitati CRI e che sia inoltre previsto un incremento dei fondi stanziati da 120 a 140 milioni di euro.
Un emendamento che punta ad andare incontro alle richieste di sostegno pervenute durante la campagna elettorale da più realtà associative operanti nell’ambito dell’assistenza alla persona e del sociale. Persone che si impegnano attivamente per il prossimo, spesso in condizioni difficili per mancanza di mezzi e di risorse.
Continueremo a dare loro tutto il supporto possibile, dentro e fuori il Parlamento”.
Ad affermarlo in una nota i deputati e le deputate del Pd Toscana.
A supporto della proposta anche i senatori toscani del Pd, che già nella scorsa legislatura avevano proposto una norma analoga nel Decreto Aiuti bis.
Continua a leggere

“Il rigassificatore di Piombino è necessario per garantire la sicurezza energetica della Toscana e dell’Italia: è ora altrettanto urgente varare una serie di norme e risorse capaci di produrre efficaci e rapide ricadute positive per famiglie ed imprese del territorio”: è quanto dichiara la deputata Pd Simona Bonafè annunciando la presentazione, sia a Montecitorio che al Senato, di una proposta di legge su tale tematica da parte dei parlamentari del Partito democratico eletti in Toscana. L’atto è stato sottoscritto dai senatori Dario Parini, Ylenia Zambito, Silvio Franceschelli e dai deputati Simona Bonafè, Marco Simiani, Emiliano Fossi, Federico Gianassi, Marco Furfaro, Christian Diego Di Sanzo e Laura Boldrini.

“Il provvedimento prevede nello specifico disposizioni per il rilancio economico, occupazionale, sociale, ambientale, infrastrutturale e culturale dell’area di Piombino (compresi i comuni del Golfo di Follonica) e la riduzione del prezzo dei costi dell’energia per gli utenti domestici e imprese del territorio. Gli interventi, per cui è previsto uno stanziamento complessivo di circa 870 milioni di euro, verranno definiti da un apposito accordo di programma fra Stato, Regione Toscana ed enti locali interessati e riguarderanno la messa in sicurezza del porto, la bonifica delle aree industriali presenti, lo sviluppo di impianti di fonti rinnovabili, l’ammodernamento delle infrastrutture viarie, la valorizzazione delle aree archeologiche della zona e la realizzazione di un gasdotto per metanizzare l’Isola d’Elba. L’attuazione di tali opere viene affidata al Commissario straordinario per la realizzazione del rigassificatore secondo modalità attuative semplificate. Altre misure specifiche riguardano l’istituzione di una Zona logistica semplificata (Zlg) per promuovere nuovi investimenti nell’area portuale ed ulteriori stanziamenti per la reindustrializzazione per l’area di crisi industriale complessa di Piombino. Il provvedimento prevede inoltre che per imprese e cittadini del comune di Piombino sia concessa una riduzione del 50 per cento dei costi energetici”.

“Chiederemo al governo ed alla maggioranza di poter calendarizzare in tempi brevi, alla Camera o al Senato, questa proposta di legge; al fine di garantire una discussione concertata dei contenuti e programmare un avvio dei lavori delle opere di compensazione certo ed interamente finanziato”: conclude Simona Bonafè.

Continua a leggere

“Davanti all’emergenza nazionale sulle forniture di gas e sul rincaro delle bollette, è stato dato il via libera della conferenza dei servizi al rigassificatore di Piombino, che porterà il presidente Giani, commissario dell’opera, verso l’autorizzazione finale, dopo un lavoro non semplice, esercitato con rigore.

La nostra regione è stata chiamata al forte senso di responsabilità per ospitare uno dei due impianti necessari a fronteggiare la crisi energetica. Come abbiamo detto fin dall’inizio, ottenute le garanzie ambientali, di sicurezza e sul tempo di permanenza limitato a tre anni, adesso devono corrispondere all’arrivo della nave certezze per lo sviluppo del territorio di Piombino.

La Toscana ha fatto la sua parte, ora va affrontato subito nella sua interezza lo sviluppo economico di quello che era il secondo polo siderurgico in Italia: servono risposte immediate sui temi che riguardano la città”. 

Così, Simona Bonafè, segretaria regionale del Pd.
Continua a leggere

“Abbiamo subito una sconfitta politica che porta la destra di Fratelli d’Italia per la prima volta alla guida del governo nella storia della Repubblica. Una destra che con l’elezione delle presidenze di Camera e Senato ha scelto due nomi marcatamente identitari e polarizzanti, a conferma di quello che dicevamo in campagna elettorale sulla natura affatto moderata di quella coalizione”.

Così la segretaria del Pd toscano, Simona Bonafè, ha iniziato la sua relazione davanti alla direzione convocata per martedì e conclusa ieri, con l’analisi del voto all’ordine del giorno.

La relazione è stata approvata con tutti i voti favorevoli e due astenuti.

Nell’analisi del voto la segretaria ha fatto riferimento alle principali cause che hanno portato alla sconfitta, “l’eccesso di governismo di questi anni, in cui abbiamo partecipato ai vari esecutivi di responsabilità, senza avere mai vinto le elezioni”, poi “la mancanza di alleanze a fronte di una legge elettorale che premia le coalizioni larghe” e “la scarsa riconoscibilità delle proposte del PD”.

“Ma adesso abbiamo il dovere di  guardare avanti – ha detto Simona Bonafè -, che non significa minimizzare la sconfitta, ma ripartire subito su tre direttrici principali. Primo: dobbiamo fare un’opposizione forte in parlamento. Poi dobbiamo accompagnare il percorso delle Unioni comunali del nostro partito per definire candidature e alleanze nei capoluoghi al voto in primavera. Terzo: rilanciare l’azione di governo regionale in particolare sui temi di sanità, infrastrutture e rifiuti. Avevamo già in programma una conferenza programmatica, adesso il congresso sarà l’occasione, non solo per sciogliere i nodi identitari del Pd, ma anche per una rilettura delle trasformazioni nella società e nell’economia toscana tra Covid e crisi energetica. Intere province oggi non sono più rappresentate né a Roma né negli organi di governo regionali. Nessuno ha mai parlato di rimpasto, ma l’intero gruppo dirigente deve farsi carico di rendere tutti i territori pienamente coinvolti nelle scelte di sviluppo della Regione”.

Infine, in merito alle manifestazioni per la pace delle prossime settimane, il Pd “sarà ovunque si chieda il cessate il fuoco e l’intervento della diplomazia che prenda il posto delle armi, ferma restando la convinzione che esiste un aggressore che è la Russia e un paese che deve difendersi che è l’Ucraina”.

Continua a leggere

“Oggi più che mai le fonti rinnovabili sono l’unica soluzione per fronteggiare crisi energetica e crisi climatica allo stesso tempo. Per questo sosteniamo con forza l’obbiettivo del raddoppio della geotermia e le richieste illustrate oggi dall’assessora regionale Monia Monni.

L’energia geotermica è una risorsa naturale, pulita e riproducibile. Sarebbe davvero inspiegabile che non venisse sfruttata a pieno. La Toscana, da due secoli, è l’unica regione italiana ad avere un’industria geotermoelettrica e si è dotata di una legge molto avanzata che concilia ambiente e sviluppo.
Ben prima della guerra in Ucraina e le conseguenze sulle forniture di gas, già nel nostro programma di governo regionale avevamo inserito la geotermia nei dieci principali punti programmatici del Partito Democratico. Rimaniamo coerenti all’impegno preso con gli elettori, mentre ci sono altri partiti che fingono di sostenere la geotermia , ma contestualmente chiedono in Europa la sospensione dell’intero pacchetto ‘Fit for 55‘ che prevede investimenti importanti sulle rinnovabili”. Così Simona Bonafé, segretaria del Pd toscano, sul progetto di raddoppio della potenza geotermica.
Continua a leggere

“Succede di nuovo, questa volta a Scandicci, che una sede della Cgil venga presa di mira da messaggi deliranti. Accade a pochi giorni da episodi simili e a un anno dall’assalto alla sede romana dell’8 ottobre scorso. I responsabili devono essere individuati e se, come pare evidente, queste scritte arrivano da ambienti novax, gli autori si rassegnino: il tempo e i fatti hanno dato ragione a chi ha seguito con rigore la scienza e oggi ci ha restituito la libertà di movimento e il ritorno alla normalità. Alla Cgil e al segretario Landini la solidarietà del Pd toscano”.
Così Simona Bonafè, segretaria del Pd toscano, sulle scritte lasciate la notte scorsa sulla sede della Cgil di Scandicci.
Continua a leggere


“Esprimiamo solidarietà al presidente Eugenio Giani per le intimidazioni ricevute sui social per il suo incarico nella realizzazione del rigassificatore di Piombino. Un incarico non semplice, che sta esercitando con il massimo del rigore e dell’impegno, per rispondere all’emergenza energetica nazionale, ma garantendo sicurezza e tempi certi per Piombino e affrontando le richieste del territorio nel suo complesso. Manifestare il dissenso è legittimo, ma non possono essere accettate minacce e intimidazioni, non meno gravi se diffuse su profili social da utenti che si nascono dietro una tastiera. Il linguaggio e il clima d’odio non devono e non possono trovare spazio in nessuna forma”, così Simona Bonafè, segreteria del PD Toscana, in merito alle minacce ricevute dal presidente Eugenio Giani.

Continua a leggere

  • Alle 16.30 sarà in Versilia, in Piazza Duomo a Pietrasanta.
  • Alle 18 salirà sul palco in Piazza Cavallotti a Livorno.
  • Alle 21 chiusura a Siena in Piazza San Domenico.
Continua a leggere

Candidato: Martina Nardi

Social: Facebook e Instagram

CollegioUninominale Camera

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Federico Gianassi

Social: Facebook e Instagram

CollegioUninominale Camera

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Emiliano Fossi

Social: Facebook e Instagram

CollegioUninominale Camera

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Simona Bonafè

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Plurinominale Camera

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Caterina Bini

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Plurinominale Camera

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

 

Candidato: Silvio Franceschelli

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Uninominale Senato

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Ilaria Cucchi

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Uninominale Senato

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Dario Parrini

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Tutta la Toscana

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Ylenia Zambito

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Tutta la Toscana

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Silvio Franceschelli

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Tutta la Toscana

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Candidato: Caterina Biti

Social: Facebook e Instagram

Collegio: Tutta la Toscana

Elezioni trasparenti: Curriculum e Casellario giudiziario

Continua a leggere