A Firenze dal 16 al 18 novembre la Festa della legalità. Tra gli ospiti Saverio Lodato, Salvatore Borsellino, Rosario Crocetta

Ricordare le vittime della criminalità organizzata, ascoltare le testimonianze di chi la combatte quotidianamente, discutere su come affrontare al meglio questa battaglia, per vincerla, finalmente.

Sono gli obiettivi della “Festa della legalità”, iniziativa organizzata dal Pd metropolitano di Firenze, assieme ai Giovani Democratici di Firenze che si svolgerà il 16, 17 e 18 novembre presso la Sms di Rifredi in via Vittorio Emanuele II a Firenze.

Tre giornate dedicate ai temi della legalità e dell’antimafia con nove dibattiti e uno spettacolo teatrale e tanti ospiti importanti, come Rosario Crocetta, neopresidente della Regione Sicilia, Saverio Lodato, giornalista, autore di “Quarant’anni di Mafia, storia di una guerra infinita”, Giovanna Maggiani Chelli, madre di Francesca, rimasta ferita nell’esplosione del 1993 in via dei Georgofili, che uccise altre cinque persone, Salvatore Borsellino in diretta skype e tanti altri parenti di vittime della mafia, nonché esponenti di spicco della giustizia italiana.

“Vicini alle primarie, in un momento di intenso dibattito politico per il centrosinistra, vogliamo mantenere alta l’attenzione su temi importanti, come la legalità e la giustizia. – sottolinea Patrizio Mecacci, segretario Pd metropolitano di Firenze‘Parlate della mafia’, diceva Borsellino e noi vogliamo parlarne, ricordare le sue vittime e far sentire che ci siamo”.

“Non possiamo dimenticare che la criminalità organizzata non si ferma ma continua il suo giro di affari e nonostante la recessione rimane l’unica azienda a non risentire di alcuna crisi: il modo migliore per ricordare tutte le vittime di mafia è sforzarsi per combattere insieme fino in fondo una battaglia che possiamo e dobbiamo vincere”, commenta Emiliano Poli, responsabile Forum Sicurezza e legalità Pd metropolitano Firenze.

“Riteniamo che il dovere della politica e di noi giovani per primi sia quello di ricordare chi ha perso la vita nella lotta contro la mafia e di trasformare la memoria in impegno costante”, aggiungono Diana Kapo, segretaria Giovani Democratici Provincia di Firenze e Costanza Tortù, responsabile legalità Gd Firenze.

Si comincia venerdì 16 alle 18 con i saluti di Andrea Manciulli, segretario regionale Pd Toscana, Andrea Giorgio, segretario Giovani Democratici Toscana, Patrizio Mecacci, segretario Pd metropolitano Firenze, Andrea Barducci, presidente Provincia di Firenze, Luigi Varratta, prefetto di Firenze per poi partire con il primo incontro, dal titolo “Pio La Torre, antimafia ieri ed oggi”, con Emanuele Fiano, responsabile Sicurezza Pd nazionale, Carlo De Stefano, sottosegretario Ministero degli Interni, Giuseppe Lumia, membro Commissione parlamentare Antimafia, Armando Spataro, Sostituto Procuratore della Repubblica di Milano, Vito Lo Monaco, presidente Centro Studi Pio La Torre, Franco La Torre , figlio di Pio La Torre, Giuseppe Tiani, segretario generale SIAP, sindacato italiano appartenenti Polizia, Felice Romano, segretario generale SIULP, sindacato italiano unitario lavoratori Polizia, modera Gabriele Canè, direttore de La Nazione.

A seguire, alle 21, 15, “40 anni di mafia, storia di una guerra infinita”, con Saverio Lodato, giornalista ed autore del libro omonimo, Luigi Marini, presidente Magistratura Democratica, Emanuele Fiano, responsabile Sicurezza Pd nazionale, Angelo Corbo, agente di scorta, sopravvissuto alla strage di Capaci, Placido Rizzotto, nipote di Placido Rizzotto, Giuseppe Tiani, segretario Generale SIAP, modera Maria Vittoria Giannotti, giornalista de L’Unità.

Altri tre incontri e uno spettacolo teatrale nella giornata di sabato 17 novembre. Alle 10,30 discuteranno di “Porto franco, politici, manager e spioni nella Repubblica della ‘ndrangheta”, Francesco Forgione, autore del libro omonimo ed ex Presidente Commissione Parlamentare antimafia, Pietro Suchan, Sostituto Procuratore Direzione distrettuale antimafia Firenze, Pino Arlacchi, europarlamentare, Federico Gelli, responsabile Forum Sicurezza e Legalità Pd regionale, modera Alberto Spampinato, giornalista ANSA e direttore di “Ossigeno per l’informazione”.

Alle 14,30 “Legalità. Uno stile di vita”, con Beniamino Deidda, ex Procuratore Generale di Firenze, Don Andrea Bigalli, presidente regionale Libera, Dario Costantino, portavoce Nazionale FDS, Calogero Parisi, presidente Cooperativa “Lavoro e non solo” di Corleone, Franco Maccari, segretario Generale COISP, coordinamento per l’indipendenza sindacale delle forze di Polizia, modera Andrea Vignolini, giornalista di Ladyradio.

Alle 20,45 la compagnia teatrale “Chi è il personaggio?” presenta alcuni pezzi tratti dal suo spettacoli basato su storie vere “La maschera dell’omertà” di Fabio Farini e Jessica Scheggi mentre alle 21,15 il dibattito “Uniti contro le mafie”, con Rodolfo Sabelli, presidente Associazione Nazionale Magistrati, Rosario Crocetta, presidente Regione Sicilia e Vice Presidente Commissione Europea Antimafia, Andrea Orlando, responsabile Giustizia Pd nazionale, Serena Sorrentino, segretario Confederale CGIL, Andrea Campinoti, presidente “Avviso Pubblico”, associazione di enti locali e regionali per la formazione civile contro le mafie, modera Massimo Vanni, giornalista de La Repubblica.

Ancora quattro dibattiti nella giornata conclusiva, domenica 18 novembre. Alle 10,30 “Vittime di mafia. Per non dimenticare”, con Maino Marchi, membro commissione parlamentare antimafia, Giovanni Chinnici, figlio di Rocco Chinnici, Giovanna Maggiani Chelli, presidente Associazione vittime via dei Georgofili, Elena Fava, figlia di Giuseppe Fava, Salvatore Borsellino, fratello di Paolo Borsellino, in collegamento Skype e si prosegue alle 15,00 “Donne e mafia”, con Alessandra Cerreti, Sostituto Procuratore Direzione distrettuale antimafia Reggio Calabria, Silvia Della Monica, membro della Commissione parlamentare Antimafia, Enzo Ciconte, docente di Storia della criminalità organizzata all’Università di Roma Tre, Danilo Chirico, associazione antimafie daSud, Elisabetta Tripodi, sindaco di Rosarno, modera Antonella Mollica, giornalista del Corriere Fiorentino.

Alle 18,00 si svolgerà “Mafia… ne parliamo abbastanza?”, con Attilio Bolzoni, giornalista de “La Repubblica”, Salvatore Calleri, presidente Fondazione Caponnetto, Tano Grasso, presidente Associazione Nazionale Antiracket, Luciano Silvestri, responsabile Legalità e Sicurezza CGIL Nazionale, Enzo Marco Letizia, segretario Generale ANFP, associazione nazionale funzionari di Polizia, modera Santo Della Volpe, caporedattore Tg3 e Direttore di “Libera Informazione”.

Ultimo dibattito della tre giorni sarà “Nuove sfide allo Stato da parte della mafie”, alle 21,15, con Anna Canepa, vice Presidente ANM, Luigi De Sena, vice Presidente Commissione Antimafia, Paolo Beni, presidente Nazionale ARCI, Claudio Giardullo, segretario Generale SILP CGIL.

Per tutta la durata della festa sarà a disposizione un servizio ristorazione, gestito completamente dai volontari delle Unioni Comunali del coordinamento metropolitano e dai Giovani Democratici della Provincia di Firenze: su prenotazione la cena di sabato, 20 euro tutto compreso, e il pranzo di domenica 18, 15 euro tutto compreso, mentre gli altri buffet/aperitivi avranno un costo di 10 euro (venerdì cena, sabato pranzo, domenica cena).

Saranno presenti inoltre un angolo-libreria, con i volumi presentati alla tre giorni e altri dedicati sempre alle tematiche della legalità e una mostra fotografica.

Per informazioni il sito internet è www.festadellalegalita.it, la mail apposita [email protected].

Scarica tutto il programma